Giammelle

Vota questo articolo
(9 Voti)

Descrizione

Piccole leccornie di fattura casalinga, le "Giammelle di Agira", sono invitanti biscotti dalla morbidezza irresistibile.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito le giammelle nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Sicilia (PAT).

Presentazione

Conosciute anche come "savoiardo siciliano", le giammelle sono "ciambelle senza buco".

Ecco perché diversamente dai biscotti piemontesi non hanno una forma oblunga, bensì arrotondata.

Anche la prova assaggio, rispetto ai biscotti del Piemonte, delinea delle differenze che non sono di poco conto. Contrariamente a questi ultimi, le giammelle non sono croccanti, ma incredibilmente morbide e leggere come una nuvola.

Caratteristiche

Le guammelle sono dei biscotti siciliani grandi e dalla forma ovale, perfetti da gustare a colazione inzuppati nel latte o nel caffellatte, oppure a fine pasto accompagnati da un bel bicchiere di vino dolce.

Dal sapore simile ai savoiardi, le giammelle sono conosciute in Sicilia anche con altri nomi, ovvero:

  • taralli;
  • nuvolette;
  • ciambelle all’uovo.

La particolarità delle giammelle siciliane è che sembrano quasi ricoperte di glassa. In realtà la ricetta non prevede aggiunta di glassa di nessun tipo e questo effetto lo si ottiene semplicemente durante la cottura in forno.

Pur essendo dei biscotti tradizionali e molto casalinghi, la tecnica di preparazione delle giammelle, prevede un passaggio abbastanza delicato, poiché uova e zucchero vanno montati a lungo a bagnomaria. In questo modo lo zucchero si scioglie alla perfezione e, dopo la cottura in forno, forma quella sorta di glassa in superficie.

Nonostante le giammelle siano senza lievito, devono risultare morbide all’interno e leggere, proprio per questo motivo è importante incorporare la farina con movimenti lenti dal basso verso l’alto per non smontare le uova.

Scioglievoli e molto saporiti, questi dolci tipici da "inzuppo" si contraddistinguono anche per la loro fragranza appetitosa che, da tempi immemori accompagna le deliziose colazioni dei siciliani.

I biscotti come: le giammelle, le paste, i bignè, nell'isola di Sicilia, fanno parte di una socialità raffinata, totalmente dedita ai rituali della gola e particolarmente sensibile alle sfumature del gusto.

Ingredienti

Gli ingredienti necessari per la preparazione di circa una ventina di giammelle sono i seguenti, pochi e di facile reperibilità, ovvero:

Lontane dal barocchismo della più nota cassata siciliana, queste prelibatezze sono la sintesi di una "rinomata semplicità".

Preparazione

Cominciamo con la lavorazione delle giammelle e quindi:

  • iniziate sgusciando le uova, preferibilmente a temperatura ambiente perché montano meglio, in un tegame dal fondo spesso;
  • unite lo zucchero e il pizzico di sale.

A questo punto prendete una pentola in cui potrete adagiare il tegame che avete usato per le uova in modo che resti sospeso.

Riempite la pentola più grande con tanta acqua quanta ne basta per arrivare quasi al fondo del tegame più piccolo, ma senza toccarlo.

A questo punto quando l’acqua bollirà, abbassate la fiamma in modo che continui a sobbollire senza bollire esageratamente e riponete il tegame con le uova al suo interno.

Con una frusta elettrica,montate le uova per circa 10 minuti, finché lo zucchero non sarà completamente sciolto e il composto non sarà diventato chiaro e spumoso.

E' arrivato il momento di incorporare la farina, quindi:

  • togliete il tegame dal bagnomaria e lasciatelo intiepidire;
  • aggiungete la farina setacciata poca per volta, incorporandola alle uova con una spatola con movimenti lenti dal basso verso l’alto.

L’obbiettivo è non smontare le uova, per cui fate l’operazione con delicatezza e senza fretta!

Alla fine otterrete un composto fluido e omogeneo.

Cottura

Rivestite due teglie con la carta da forno, poi con l'ausilio di una sac à poche o con un cucchiaio formate le giammelle, che tradizionalmente hanno forma "ovale" e sono piuttosto grandi.

Abbiate cura di distanziare bene le giammelle sulla teglia poiché in cottura tendono a crescere.

Cuocete una teglia per volta a forno statico a 180° per 8 minuti, quindi abbassate a 150° e continuate la cottura per 4-5 minuti.

Le giammelle non devono scurirsi, ma rimanere belle bianche in superficie.

Sfornatele e lasciatele raffreddare completamente prima di staccarle dalla teglia.

Servite le giammelle a colazione o a fine pasto.

Tradizioni

Di semplice realizzazione, le giammelle sono uno dei tanti e immutati tesori tipici dell'arte dolciaria siciliana.

Questo biscotto dalle tinte bianco avorio, infatti, racchiude in sé tutti i sapori genuini e semplici dei dolci fatti in casa dalle massaie isolane.

Le stesse che dopo aver realizzato le giammelle, per non farle seccare velocemente, le conservavano dentro scatole di latta ben sigillate!

Altro in questa categoria: « Cuddrireddra Mandorlato »

I&T Srl Innovativa

P.IVA 09780790961
CF 09780790961
Via Vertoiba 2, - 20137 Milano

Sistemi di Pagamento

 MasterCard  PayPal  Sepa Visa 

 

Seo by @enitto