Visualizza articoli per tag: Frutta

Regione: Basilicata
Tipologia di prodotto: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

Il "fasulo rosso" è un prodotto alimentare lucano dal sapore corposo, coltivato con l’unicità che le piante devono inerpicarsi in verticale su supporti di canne.

Certificazioni

ll Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito il fasulo rosso nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Basilicata (PAT).

Presentazione

L'area di produzione del fasulo rosso è Pantano di Pignola, nel comune di Pignola, in provincia di Potenza.

Il fasulo rosso si presenta come:

  • un seme di ecotipo borlotto;
  • tondo ovoidale;
  • con fondo beige e screziature rosso scure.

Questo fagiolo si distingue dagli altri per:

  • il suo sapore avvolgente;
  • il suo aroma intenso che mostrano appieno la naturalità del territorio.

Il fasulo rosso è talmente genuino da essere stimato non solo in Basilicata, ma anche in tutta Italia.

La sua produzione e lavorazione spazia da inizio Giugno fine Settembre.

Storicità

Il fasulo rosso è un prodotto storicamente legato alla cultura e alla cucina di Pantano di Pignola, come confermato dalla memoria storica di anziani agricoltori della zona attraverso fatti e proverbi.

Secondo la tradizione contadina, i fagioli si cucinavano esclusivamente nelle "pignate di terracotta":

  • si adagiavano accanto al focolare e si lasciavano ore ed ore a bollire, avendo cura di aggiungere di tanto in tanto acqua calda.

La cottura avveniva facendo attenzione a girare i fagioli con un cucchiaio di legno e non di metallo per non bloccarne la cottura!

Fasi

Le fasi fondamentali della vita del fasulo rosso sono 3, ovvero:

  • la fase di raccolta;
  • la fase dell'essiccamento;
  • la fase della conservazione.

Dopo la prima fase di "raccolta" del fasulo rosso, si susseguono gli altri due step importantissimi per la lavorazione di questo legume, vediamo insieme quali.

Nella fase di "essiccazione", le piante del fasulo rosso vengono:

  • "estirpate a mano" e lasciate "essiccare" al sole;
  • una volta seccate vengono "battute" per separare i semi e recuperare quelli integri e a norma;
  • i fasuli rossi raccolti, vengono quindi disposti su dei teli e lasciati "asciugare" all’aria aperta.

Terminata la fase di essiccamento, i fasuli rossi vengono racchiusi e "conservati" in grossi sacchi di tela.

Proprietà organolettiche

La sua particolarità, ossia il perfetto connubio tra "consistenza e sapore", lo rende ideale per conferire al tuo menù di terra un tocco di bontà territoriale.

In cucina

Se ami sperimentare in cucina prodotti mai usati, che però garantiscono un risultato strabiliante, allora scegliere di cucinare i "fagioli rossi trifolati" con aglio e prezzemolo per accompagnare un secondo, può essere la scelta giusta.

Se preferisci i primi piatti, puoi optare per:

una pasta con "fagioli saltati insieme alla ncandarata", sicuro che il gusto unico dei fasuli rossi eleverà quello dell’intero piatto!

Ad ogni modo, questo legume sarà capace di conquistare tutti gli invitati!

Pubblicato in BASILICATA
Etichettato sotto
REGIONE: Calabria.
TIPOLOGIA PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

I "fichi d'India di Calabria" sono un vanto della regione.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i fichi d'India di Calabria nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Caratteristiche

Frutto estivo per eccellenza, è una pianta spontanea che cresce rigogliosa lungo le zone costiere da Agosto ad Ottobre inoltrato.

Nella lingua dialettale vengono chiamati "ficamori" o "fichindiani".

La pianta è formata da:

  • rami spinosi;
  • il frutto ha una forma cilindrica ed è contenuto in una sorta di pellicola pungente che va rimossa con cautela;
  • la polpa è molto dolce ed è prevalentemente gialla.

I frutti dalla polpa bianca vengono detti "muscaredda", quelli rossi "sanguigni".

Degustazione

Raccolti a costo zero, in passato i poveri contadini calabresi prima di andare nei campi, mangiavano i fichi d'India per colazione:

  • non c'era festa patronale che non esponeva la bancarella traboccante di questo frutto così prezioso.

Con i fichi d'India calabresi si possono preparare gustose pietanze, la polpa può essere

  • mangiata al naturale o insieme alle insalate;
  • può essere servita su crostini spalmati di formaggio;
  • utilizzata anche in pasticceria per realizzare crostate, gelati, creme e deliziose marmellate.

Proprietà benefiche

Oltre ad essere gradevole al palato, ai fichi d'India di Calabria sono riconosciute molte proprietà salutari in quanto contengono:

  • molta acqua;
  • vitamine;
  • fibre e sali minerali.

Sotto forma di integratore è indicato:

  • per favorire la digestione;
  • rinforzare unghie e capelli;
  • combatte l'ipercolesterolemia;
  • aiuta a prevenire a formazione dei calcoli renali.
Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
REGIONE: Calabria
TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
CERTIFICAZIONE PRODOTTO: DOP

Descrizione

Ricchi di storia, di tradizione, i "fichi di Cosenza", rappresentano una risorsa importante in tutta la provincia.

Origini

Ai tempi degli "Egizi", si legge dalle descrizioni sui sarcofagi che si effettuava già la raccolta dei fichi.

Dall'albero rustico e resistente, presente ovunque nel territorio calabrese, i fichi, da sempre sono stati importanti, in passato denominati anche il "cibo dei poveri", in quanto freschi o secchi erano un modo di sfamare anche chi viveva nei luoghi rurali e campagnoli.

Presentazione

Tra le 700 varietà mondiali, questa qualità di fichi viene considerata tra le migliori:

  • sono frutti dal sapore davvero dolce e piccoli;
  • la buccia è di color verde chiaro;
  • la polpa morbida.

Generalmente vengono prima "essiccati" e poi commercializzati.

Per un kg di fichi secchi, ce ne vogliono 3 di fichi freschi.

Il periodo di maturazione del frutto avviene tra Luglio e Agosto.

Certificazioni

Il fico di Cosenza, sia per la sua storia che per la sua autenticità, ha ottenuto il marchio di qualità DOP.

L'ambiente ideale per questi fichi è sicuramente "collinare" e moderatamente "ventilato", non troppo umido.

Proprietà salutari

La particolarità dei fichi di Cosenza è che sono naturali e salutari al 100%.

Hanno un buon contenuto di:

  • ferro;
  • potassio;
  • fibre;
  • inoltre sono ricchi di vitamina A e C.

Hanno eccellenti proprietà nutrizionali e terapeutiche e sono energetici e ricchi di proprietà.

Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
Regione: Calabria
Tipologia di prodotto:Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

I "fichi essiccati" sono un prodotto tipico della Calabria caratterizzato da fichi che esposti al sole vengono disidratati.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i fichi secchi nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Origine

L'origine e l'arte della conservazione del fico viene tramadata di generazione in generazione e si differenzia da altre regioni per la qualità delle essenze e per il clima asciutto della Calabria.

La lavorazione del fico più conosciuta è quella a crocetta, ma esistono altre forme come:

  • la corolla detta "tortanìeddu";
  • la treccia "nzèrti" o "jetti".

L'essiccazione dipende anche dal fico che viene utilizzato, il migliore è il Dottato, ma si usano anche:

  • la Paradìso;
  • la Granàto;ù
  • la Niurèdda;
  • la Marinèlla e altre varietà.

La raccolta e la lavorazione del fico inizia nel mese di Agosto.

Ingredienti

L'ingrediente base per la preparazione del fico secco sono:

  • i fichi appassiti;
  • acqua bollente.

Preparazione

Si inizia con:

  • il raccogliere i fichi leggermente appassiti;
  • dopo averli raccolti devono essere adagiati sui graticci per farli essiccare, l'essiccazione naturale dipenderà dalla temperatura e dal clima;
  • i fichi devono essere girati almeno due volte al giorno per evitare che il frutto si secchi solo da una parte;
  • quando i fichi saranno essiccati, devi sbollentarli e lavarli per due minuti in acqua bollente;
  • poi occorre rimetterli sui graticci per ottenere l'asciugatura che potrà avvenire anche in un giorno;
  • quando il fico è asciutto devi spaccarlo e guarnirlo con pezzetti di noce e ricoprirlo con un altro frutto spaccato;
  • infilza i fichi in un bastoncino mettili in forno e una volta tolti spruzzali con un po' di anice.
Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
 REGIONE: Calabria
 TIPOLOGIA DI PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 CERTIFICAZIONI: PAT

Descrizione

I "fichi freschi cotti al forno" sono una specialità calabrese, perfetti per essere consumati come spuntino o come contorno a pranzo e a cena.

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i fichi freschi cotti al forno nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Origini

Questa ricetta prettamente tradizionale, tramandata dalle massaie di famiglia in famiglia, utilizza solo fichi freschissimi di stagione che sono coltivati nel territorio locale.

Ingredienti

Gli ingredienti necessari per la preparazione dei fichi al forno sono:

Preparazione

La preparazione dei fichi al forno viene fatta "senza" l'utilizzo di macchinari, ma solo con le mani esperte delle donne:

  • dapprima si devono lavare i fichi;
  • poi si asciugano per bene;
  • infine si procede alla cottura che avviene in forno, si porta ad una temperatura di circa 150 gradi e poi quando è caldo abbastanza si inseriscono i fichi;
  • non serve un tempo prolungato per cucinare i frutti che in meno di un'ora sono già pronti per essere sfornati.

Conservazione

La ricetta dei fichi freschi cotti al forno, prevede che siano conservati e resi ancora più dolciastri aggiungendo anche del miele di fichi o dello sciroppo.

Le botteghe che si occupano di vendere i prodotti tipici del luogo fanno attenzione ad effettuare un ulteriore processo di "pastorizzazione" mettendoli in forno per pochi minuti, garantendo il sottovuoto e quindi la messa in vendita.

Varianti

La ricetta dei fichi freschi cotti al forno è stata modificata a seconda dei gusti personali ed oggi si possono trovare anche:

  • caramellati;
  • con la pasta frolla;
  • inseriti come ingrediente base per torte e crostate.
Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
REGIONE: Calabria.
TIPOLOGIA PRODOTTO: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Descrizione

Se cerchi un prodotto originale, buono e caratteristico del territorio meridionale dell'Italia ti presento i "fichi ripieni" detti anche "fichi chini".

Certificazioni

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito i fichi ripieni nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Calabria (PAT).

Caratteristiche

In sostanza si tratta di un prodotto della natura che attraverso un processo di trasformazione particolare che si tramanda da generazione in generazione viene offerto a parenti e amici durante le feste o le domeniche in cui ci si riunisce tutti insieme.

La base di questa specialità calabrese sono i fichi, classico frutto del sud, che diventano dei veri e propri dolci con un ripieno degno dei palati più esigenti.

Ingredienti

Gli ingredienti necessari per la preparazione dei fichi ripieni sono:

  • noci;
  • mandorle;
  • cioccolato;
  • zucchero;
  • cannella;
  • mosto cotto.

Lavorazione

Cominciate la lavorazione dei fichi ripieni in questo modo:

  • tagliare i fichi in due parti, senza separarle del tutto dal picciolo e poi preparare a parte il ripieno;
  • unire in una ciotola le noci, le mandorle e il cioccolato tritato e riempire i frutti;
  • poi bisogna metterli nel forno e farli cucinare per un po';
  • quando assumono una colorazione dorata si aggiunge il mosto cotto e si ricoprono per intero;
  • infine, si devono cospargere di zucchero a velo e cannella in polvere.

I fichi così ripieni vanno poi riposti dentro un vaso e cosparsi di zucchero abbondante e mosto cotto, fino all'orlo e richiudere per benino.

Un accorgimento importante è richiudere il vaso con un disco ligneo e pressare bene con un oggetto pesante.

Se non riuscite a trovare dei fichi freschi si può scegliere di usare quelli secchi, ma prima è necessario ammollarli.

Pubblicato in CALABRIA
Etichettato sotto
Pagina 5 di 18

I&T Srl Innovativa

P.IVA 09780790961
CF 09780790961
Via Vertoiba 2, - 20137 Milano

Sistemi di Pagamento

 MasterCard  PayPal  Sepa Visa 

 

Seo by @enitto